Per una corretta visualizzazione del sito ruota il telefono in verticale

Clicca sulla foto per ingrandire

Mostra a Montalcino: l’arte di creare si eredita di padre in figlio

Fino al 14 settembre presso il Palazzo Pubblico di Montalcino la travolgente mostra “diSegni diSogni”: l’incontro di 4 artisti, l’amore filiale, la passione per l’arte 

Accade che l’arte depositi i suoi semi nel tempo.

La predisposizione a creare è un gene che si trasmette di generazione in generazione, è l’impronta invisibile che i genitori depositano non tanto nell’iride dei propri figli, ma nella forma del loro cuore.

E’ una storia che non si interrompe, che si dirama tra le famiglie e propaga la magia dell’invenzione, della versatilità e l’amore per essa.
C’è un’educazione al bello e alla manualità, a trovare la giusta forma, a giocare con i colori, a sperimentare abbinamenti di materiali, ad assistere in silenzio al concretizzarsi della propria fantasia: un genitore artista racchiude un’eredità inestimabile con cui abbraccia discretamente i propri figli e li introduce in un altrove ricco di emozioni da esplorare in completa autonomia.

L’“innocuo contagio” è ciò che è avvenuto nella vita di Annibale Parisi e Roberto Turchi: amici, compaesani (entrambi di Montalcino), artisticamente vicini in progetti che li vedono fianco a fianco negli anni ’60, ancora più affiatati e pieni di speranze quando a metà degli anni ’70 diventano padri di due bambine.

E’ a questo punto che l’arte fa il suo corso, senza imposizione da parte degli adulti e prende strade diverse: diventa essa stessa parte del percorso di crescita e formazione professionale di Carlotta Parisi e Costanza Turchi, divergendo, intrecciandosi, sovrapponendosi al solco paterno.

Si affermano così 4 personalità ben distinte, originali, pienamente compiute, accomunate dal fuoco sacro di un estro inesauribile.
4 personalità che oggi si ritrovano, dialogano, si ricompongono come nell’accordo di un coro e si raccontano, anche attraverso rispecchiamenti e “fili rossi” che individuano a tratti l’origine e la prosecuzione della medesima suggestione.

Fino al 14 settembre Montalcino vede padri e figlie di nuovo insieme in occasione della loro mostra a Montalcino “diSegni diSogni”. Una mostra “polisemica” per celebrare l’amore: filiale, per l’arte, per il coraggio di mettersi in gioco. Ma non solo.

Una mostra per riscoprire ed illustrare la “traccia”, il “segno”, la modalità di esprimersi di ciascuno di questi artisti ed estrosi artigiani in cui non sembra placarsi l’eclettismo nei confronti del sapere e del saper fare.

Una mostra per indagare i punti di contatto, le sottili convergenze, le dissonanze.

Una mostra che attraverso l’immagine ed il “segno” (pittorico, grafico, scultoreo…) lascia trasparire il “sogno”, la speranza, il desiderio e il piacere di averlo raggiunto.

Un appuntamento da non perdere, per tutti coloro che desiderano concedersi, anche solo per un momento, piccole grandi emozioni.

Palazzo Pubblico di Montalcino fino al 14 settembre

tutti i giorni 11:00-14:00/ 15:30-19:30

per info: info@carlottaparisi.it 

tel. (Carlotta) 3477691134 – (Roberto) 3482120602