Per una corretta visualizzazione del sito ruota il telefono in verticale

Studi D’Arte Cave Michelangelo

Clicca sulla foto per ingrandire


MARMO E LAPIDEI

Profilo

Il gruppo Cave Michelangelo, guidato da Franco Barattini e Figli, e sotto la direzione tecnica di Luciano Massari, promuove la città di Carrara quale centro fondato sull’estrazione del marmo e sulla scultura, dando vita al progetto “Studi d’arte Cave Michelangelo”.
ll laboratorio di scultura è attrezzato per la creazione di qualsiasi opera lapidea ed il personale è specializzato nella riproduzione di statuaria classica e nell’esecuzione di opere, soprattutto monumentali, di artisti contemporanei. Vengono inoltre progettate e realizzate qualsiasi tipo di opere nei campi della scultura, architettura, mosaico, design e restauro. L’evoluzione delle tecniche scultoree e la disponibilità di spazi e materiali consentono di tradurre in chiave moderna la continuità del lavoro del passato. Se richiesta viene eseguita anche la formatura in gesso a forma persa da modelli in creta, calchi a tasselli e in materiale siliconico. Gli artigiani seguono tutto l’iter di realizzazione fino all’installazione delle opere.
Il Laboratorio Studi D’Arte Cave Michelangelo sotto la direzione artistica di Luciano Massari, da anni si conferma come uno dei luoghi di produzione internazionale dell’arte contemporanea.
Qui nascono i capolavori più ammirati e discussi degli ultimi anni, dal grande dito medio di Cattelan, alla testata di Zidane, dalle sculture ironiche e spiazzanti di Paul McCarthy, alla provocatoria Pietas di Jan Fabre. E se il mondo dell’arte internazionale è tornato nella città di Carrara è proprio grazie a Franco Barattini, che oltre vent’anni fa ha deciso di scommettere sulla lavorazione artistica del marmo.
ll laboratorio di scultura è specializzato soprattutto nella riproduzione statuaria classica e nell’esecuzione di opere di artisti contemporanei, come Maurizio Cattelan, Gio’ Pomodoro, Frank Breidenbruch, Anna Chromy, Emanuele Giannetti, Dani Karavan e Hilde Van Sumere
L’evoluzione delle tecniche scultoree e la disponibilità di spazi e materiali consentono di tradurre in chiave moderna la continuità del lavoro del passato.