Per una corretta visualizzazione del sito ruota il telefono in verticale

Clicca sulla foto per ingrandire

Montelupo nel Mondo. Un convegno internazionale sulle tracce di una tradizione di successo

Il prossimo 23 ottobre presso il Museo della Ceramica di Montelupo Fiorentino, si terrà il Convegno Internazionale “Musei e Maiolica – La ceramica di Montelupo nei musei di tutto il mondo”. Il convegno, che si avvarrà del contributo di esperti nazionali e internazionali, intende ripercorrere i canali che hanno portato la maiolica di Montelupo ad essere rappresentata nelle collezioni dei Musei di tutto il mondo.

Manufatti in ceramica realizzati a Montelupo Fiorentino sono infatti presenti in oltre 50 musei italiani, fra i quali il museo del Bargello, gli Uffizi, la Cripta Balbi a Roma; aspetto ancora più sorprendente è che ceramiche montelupine sono esposte in musei e collezioni di Australia, Austria, Belgio, Francia, Germania, Inghilterra, Olanda, Portogallo, Polona, Russia, Spagna, Stati Uniti; Sudafica, Svezia, Svizzera

Fra i musei stranieri, tanto per citare i più famosi, le ceramiche di Montelupo si trovano alla National Gallery of Victoria di Malbourne, al Louvre di Parigi, al Kunstgewerbemuseum di Berlino, al British Museum,al Victoria and Albert Museum di Londra e al New York Metropolitan Museum of Art. Un elenco che rende bene le proporzioni della diffusione capillare che la ceramica di Montelupo ha avuto nei secoli, praticamente in tutto il mondo.

Un processo di difficile ricostruzione che mette alla luce le dinamiche artistico-culturali che hanno favorito la dispersione delle maioliche montelupine e che dimostra come l’Italia, e in modo particolare Firenze, rappresentasse la meta agognata dei lunghi viaggi intrapresi dai giovani esponenti dei ceti dominanti europei al fine di consolidare la cultura classica ricevuta nei paesi d’origine.

Particolarmente interessante si rivela la scoperta in queste collezioni musealizzate della maiolica montelupina, in quanto essa attiene spesso alle epoche più antiche. Un aspetto a parte dell’attenzione che è stata rivolta alle ceramiche provenienti dal centro toscano è poi rappresentato dall’enorme diffusione del “figurato tardo” (i cosiddetti “arlecchini”), che davvero risultano apprezzate sotto tutte le latitudini e da ogni genere di ceto sociale.

Il Convegno, promosso dalla Fondazione Museo Montelupo, mira ad indagare le motivazioni dell’ampia disseminazione delle ceramiche di Montelupo e a fare il punto sulla loro musealizzazione. È dunque concepito come un’ occasione attraverso la quale affinare il censimento delle collezioni museali, sia italiane che straniere, nelle quali sono presenti maioliche montelupine, ed in un primo approfondimento della storia delle collezione delle quali esse fanno parte.

VENERDÌ 23 OTTOBRE 2015
9.30-18.30
Sede operativa del Gruppo Archeologico
Montelupo, via Gramsci, 67 – Montelupo Fiorentino

Per maggiori informazioni
www.museomontelupo.it